Benedizione

Nella cittadina di Holt in Colorado Dad Lewis affronta la sua ultima estate la moglie Mary e la figlia Lorraine gli sono amorevolmente accanto mentre gli amici si alternano nel dare omaggio a una figura rispettata della comunit br Ma nel passato di Dad si nascondono fantasmi il figlio Frank che fuggito di casa per mai pi tornare e il commesso del negozio di ferramenta che aveva tradito la sua fiducia Nella casa accanto una ragazzina orfana viene a vivere dalla nonna e in paese arriva il reverendo Lyle che predica con passione la verit e la non violenza e porta con s un segreto br Nella piccola e solida comunit abituata a espellere da s tutto ci che non conforme Dad non sar l unico a dover fare i conti con la vera natura del rimpianto della vergogna della dignit e dell amore br Kent Haruf affronta i temi delle relazioni umane e delle scelte morali estreme con delicatezza senza mai alzare la voce intrattenendo una conversazione intima con il lettore che ha il tocco della poesia br br Questo libro per chi ama rileggere i classici e vorrebbe perdersi negli sconfinati spazi della pianura americana o nelle fotografie di Robert Adams per chi desidera un cappello da cowboy anche se forse non lo indosser mai per chi nutre una sorta di fiducia razionale nel genere umano e crede che le verit gridate siano sempre meno vere di quelle suggerite con pudore


Canto della pianura

Con i Canto della pianura i si torna a Holt dove Tom Guthrie insegna storia al liceo e da solo si occupa dei due figli piccoli mentre la moglie passa le sue giornate al buio chiusa in una stanza br Intanto Victoria Roubideaux a sedici anni scopre di essere incinta Quando la madre la caccia di casa la ragazza chiede aiuto a un insegnante della scuola Maggie Jones e la sua storia si lega a quella dei vecchi fratelli McPheron che da sempre vivono in solitudine dedicandosi all allevamento di mucche e giumente br Come in Benedizione le vite dei personaggi di Holt si intrec ciano le une alle altre in un racconto corale di dignit di rimpianti e d amore In particolare in questo libro Kent Haruf rivolge la sua parola attenta e misurata al cominciare della vita E ce la consegna come una gemma pietra dura sfaccettata e preziosa ma anche delicato germoglio br br Questo libro per chi ama spostarsi solo con il pensiero meglio se in poltrona e sotto una coperta a scacchi rossi e blu per chi riesce a sentirsi a casa anche solo con una finestra aperta sul cielo per chi cerca su google maps i luoghi dei libri meglio se immaginari e per chi ha deciso di affidarsi al tempo nella convinzione che lo spazio possa sempre tradirlo


Le nostre anime di notte

nella cittadina di Holt Colorado che un giorno Addie Moore rende una visita inaspettata al vicino di casa Louis Waters I due sono entrambi in l con gli anni vedovi e le loro giornate si sono svuotate di incombenze e occasioni La proposta di Addie scandalosa e diretta vuoi passare le notti da me br Inizia cos una storia di intimit amicizia e amore fatta di racconti sussurrati alla luce delle stelle e piccoli gesti di premura Ma la comunit di Holt non accetta la relazione di Addie e Louis che considera inspiegabile ribelle e spregiudicata E i due protagonisti si trovano a dover scegliere tra la propria libert e il rimpianto br br Dopo la i Trilogia della Pianura i i Le nostre anime di notte i il sigillo perfetto all opera di Kent Haruf uno dei pi grandi interpreti della letteratura americana contemporanea


Crepuscolo (Plainsong, #2)

Con il romanzo Il canto della pianura Kent Haruf stato finalista al National Book Award al Los Angeles Times Book Prize e al New Yorker Book Award Con Crepuscolo secondo romanzo della Trilogia della Pianura ha vinto il Colorado Book Award Benedizione stato finalista al Folio Prize br br Siamo a Holt Colorado br La vita dei vecchi fratelli Harold e Raymond McPheron cambiata da quando hanno accolto alla fattoria Victoria Roubideaux e la piccola Katie ma ora la ragazza ha deciso di andare all universit e di trasferirsi a Fort Collins A poca distanza dai McPheron vive DJ un ragazzino orfano che si prende cura del nonno DJ fa amicizia con Dena la figlia della vicina e la sua storia si lega a quella di Joy Rae e del fratello Richie che vivono in una roulotte con la famiglia e sono a carico dei servizi sociali sotto le cure attente di Rose Tyler br br Come in Benedizione e in Canto della pianura le vite dei protagonisti si intrecciano le une alle altre E i lettori di Kent Haruf ritroveranno la sua voce lieve che qui ci parla dei tanti volti della crescita quella frontiera che spesso appare invalicabile ma che a ogni et pu essere superata solo vincendo la paura e ritrovando il desiderio di continuare il viaggio della vita br br Questo libro per chi ama guardare la danza delle candele sul muro per chi ascolta la Pastorale di Beethoven per chi ricorda quando da bambini ci si arredava una stanza con tutto quello che si trovava in giro e per chi rimasto solo al freddo per tanto tempo e oggi ha deciso di rimettersi in gioco e correre il rischio di diventare una persona diversa


Trilogia di Holt

Il cofanetto della Trilogia di Holt il punto di arrivo di un esperienza di lettura br Chi ha gi conosciuto l opera di Kent Haruf e chi invece desidera conoscerla pu farlo partendo da questa edizione a tiratura speciale e limitata che raccoglie Benedizione Canto della pianura e Crepuscolo gi usciti singolarmente tra il e il br Holt una citt immaginaria Ma la comunit che la anima unica e universale allo stesso tempo La forza della Trilogia proprio la capacit di coinvolgere tutti i lettori toccando corde di umanit che ognuno di noi pu ritrovare in se stesso Una citt dalla fisionomia ben precisa e sapientemente illustrata da due mappe una geografia dell immaginario che rende visibili le strade gli incroci i luoghi di incontro disegnata da Marco Denti seguita da una geografia del sentimento con le case le vicinanze le dimensioni pi intime e familiari disegnata da Franco Matticchio Insieme creano una traccia nascosta che impreziosisce l opera br br Una nota di Cathy Haruf moglie di Kent completa il percorso offrendo uno sguardo sulle fasi della scrittura


Le ossa di san Lorenzo

Quando Remo Ayala entra nello studio dello psicoterapeuta Alberto Albores un ragazzo di diciotto anni introverso e nevrotico ossessionato dal fratello gemello R mulo disinvolto e intraprendente br Remo racconta della fuga dal collegio dei gesuiti e di una vita in giro per il Messico al seguito di un mago il Grande Padilla e della sua giovane protetta Magda I due gemelli si innamorano della ragazza e Remo confida al dottore che R mulo l ha uccisa in preda alla gelosia Quando Remo per a essere accusato di un altro omicidio il dottor Albores non pi certo di nulla forse il suo paziente gli ha mentito spacciando per fantasie i propri delitti cos da confondere le tracce e censurare i fatti Ma ogni porta che si apre scopre un frammento della scena e allo stesso tempo ne copre un altro come un mosaico di specchi che frantuma e moltiplica la realt all infinito br Ammaliante e misterioso Le ossa di san Lorenzo un rompicapo con pi di una soluzione che coinvolge il lettore in una sfida irresistibile quella di provare a ricomporre il mosaico insieme ai personaggi e di scoprire le tante verit possibili le incalcolabili caverne della memoria br br Questo libro per chi parte sempre con una scorta di pennelli fogli e Bianco di Spagna per chi non pu dimenticare i tatuaggi e i biglietti di Memento per chi si offre volontario ogni autunno durante la vendemmia e per chi si trovato davanti a un dilemma e ha appeso la sua decisione al risultato di una partita di calcio


La Neve di San Pietro

Quando Friedrich Amberg riacquista un barlume di coscienza in una stanza d ospedale come un essere privo di personalit Finch di colpo ricorda tutto il lui un medico e a gennaio aveva preso servizio a Morwede S ora ricorda gli inquietanti segni premonitori durante il viaggio verso quella localit della Vestfalia l arrivo nel villaggio oppresso dalla triste monotonia di quel paesaggio l inatteso incontro con l altera donna cui non aveva mai avuto il coraggio di dichiararsi e il barone von Malchin con il suo feroce anacronistico legittimismo e il suo visionario esperimento mediante quella che un tempo era nota come Neve di San Pietro capace di provocare uno stravolgimento del mondo


Inside WikiLeaks: La mia esperienza al fianco di Julian Assange nel sito più pericoloso del mondo

WikiLeaks negli ultimi tre anni ha letteralmente sconvolto il mondo dell informazione e le sue regole producendo pi scoop del Washington Post negli ultimi trenta dal video sull uccisione di civili iracheni da parte di elicotteri Apache americani alla recente diffusione di una ingente mole di dispacci riservati della diplomazia USA Tutti documenti che non sarebbero mai venuti alla luce senza WikiLeaks br Ma cosa c dietro questo sito creato nel dall hacker australiano Julian Assange i cui server custodiscono come in una cassaforte inespugnabile i dossier segreti inviati da gole profonde a cui viene garantito il pi completo anonimato Chi vaglia e decide cosa deve essere reso pubblico e cosa no Quali nuovi scoop si prepara a diffondere br E chi Assange questo enigmatico e controverso Robin Hood dell informazione bestia nera del Pentagono e di molti governi e servizi segreti che predica l assoluta trasparenza ma la cui vita e attivit restano avvolte in una cortina impenetrabile di mistero br Daniel Domscheit Berg la persona pi adatta per condurci dietro le quinte di WikiLeaks e svelarci per la prima volta i molti segreti del suo fondatore L informatico tedesco infatti stato per tre anni il numero due dell organizzazione che ha lasciato nel per via di contrasti insanabili con Assange di cui era il braccio destro e che poi ha accusato di una gestione dittatoriale e poco limpida del sito che ne ha tradito la vocazione e lo spirito originari br Proprio perch continua a credere fermamente nel progetto Domscheit Berg ha deciso di raccontare la storia di WikiLeaks come nessuno l ha mai letta E vuole essere sicuro che i futuri informatori sappiano in che mani stanno per consegnare i loro segreti


Le cose che abbiamo perso nel fuoco

Piccoli capolavori di realismo macabro che mescolano amore e sofferenza superstizione e apatia compassione e rimpianto le storie di Mariana Enriquez prendono forma in una Buenos Aires nerissima e crudele vengono direttamente dalle cronache dei suoi ghetti e dei quartieri equivoci Sono storie che emozionano e feriscono conducendo il lettore in uno scenario all apparenza familiare che si rivela popolato da creature inquietanti br Vicini che osservano a distanza gente che sparisce bambini assassini donne che s immolano per protesta br Quello di Mariana Enriquez un mondo dove la realt accoglie le componenti pi bizzarre e indecifrabili della natura umana e dove il mistero e la violenza convivono con la poesia Sullo sfondo di un Argentina oscura e infestata dai fantasmi con la sua brillante mescolanza di horror suspense e ironia Le cose che abbiamo perso nel fuoco ha fatto di Mariana Enriquez la risposta contemporanea a Edgar Allan Poe e Julio Cort zar la voce pi interessante della nuova letteratura sudamericana Una voce intensa e diretta che racconta di personaggi brutali e talvolta buffi trascinando il lettore in una spirale fascinosa e disturbante cui difficile resistere


L'assassino con la videocamera

Durante un tranquillo week end pasquale un giovane uomo e la sua compagna fanno visita a una coppia di amici nella loro casa immersa tra le colline dell Austria centrale La vacanza viene funestata dalla notizia di un raccapricciante omicidio perpetrato il Venerd Santo proprio nei dintorni due bambini sono stati costretti a suicidarsi da un uomo che ne ha ripreso la morte con una videocamera La cronaca del delitto riportata minuziosamente dai media che non si astengono nemmeno dal mettere in onda il video dell assassino fino al punto che la notizia sempre pi carica di una morbosa forza d attrazione sovverte ogni normalit e scatena reazioni estreme sia nella piccola comunit rurale sia nell intimo di ogni spettatore br In questo noir glaciale e impressionante ambientato negli anni novanta quindi in un epoca di poco precedente alla massiccia diffusione di cellulari e internet Glavinic indaga con lucidit anticipatrice il minaccioso potere dei reality e il nodo indissolubile fra violenza e media Sembra infatti che ogni dettaglio sia stato predisposto e inscenato dal sadico assassino per diventare immagine televisiva E lo stile protocollare e sorvegliatissimo dell Io narrante riesce magistralmente a delineare un orribile metamorfosi che pu insinuarsi nelle nostre vite rendendole irriconoscibili